Il primo appuntamento (e buona norma per i successivi)

Supponiamo di essere riusciti a strappare un appuntamento ad una ragazza per questa sera….

I problemi cui ci troviamo di fronte sono molteplici e solo una buona gestione del tempo e degli spazi faranno in modo che riusciate comportarvi in maniera decente.

Il primo problema, che poi e’ il piu’ complesso, consiste nel decidere cosa fare la sera.

Bisogna infatti che arriviate all’appuntamento gia’ con un idea super chiara di cosa proporre, dove andare e quando!
Non c’e’ cosa che irrita di piu’ una donna delle frasi tipo:

-ma a me basta stare con te, mi basta la tua presenza, andiamo in giro poi vediamo

che si risolvono generalmente in un carosello notturno di giri per la citta’ senza meta!

Sappiate inoltre che, salvo in rarissimi casi, nessun aiuto vi verra’ dalla ragazza in questione!
E’ una specie di test, vediamo cosa organizzi e decidero’ se vai bene.

Nella scelta del programma bisogna evitare di essere troppo sfacciati, sconsiglierei come prima meta una passeggiata sotto le stelle in campagna o luogo suggestivo…

Cioe’, se proprio siete sicuri fate vobis.

Ma ora passiamo alla parte pratica dell’organizzazione di noi stessi.

Lavatevi!

Lo so lo so, lo fate sempre e comunque. Ma e’ sempre bene ricordarlo!
E poi..lavatevi BENE! Cioe’ lavate tutto il lavabile non ci sono limiti alla provvidenza!

Per lo stesso motivo, mutande pulite (pare che le piu’ gettonate siano i boxer attillati ma, io preferisco quelli di cotone, evitare comunque lo slip bianco!) cosi’ come i calzini (anche qui il binco….).

Per l’abbigliamento e’ una questione di gusti ma, sempre nel vostro stile, e’ consigliabile una certa sobrita’.

Barba? Fatta!

Ora che facciamo?

Se siamo proprio esagerati macchina a lavare (come dice Califano) ma, anche la macchina sporca fa’ il suo effetto (poco attaccato ai beni meteriali e in fondo un po’ fuori dal cliche’ uomo amante della propria auto!)


arrivare puntuali, anche se aspetterete un tempo medio tra i 50 e i 200 minuti che lei arrivi.

Siccome il ritardo della donna e’ evidentemente una questione somatica organizzatevi!
Potete ad esempio portarvi un bel libro (che sortisce anche l’effetto “uomo di cultura”) oppure, il portatile con cui magari giocare (quando arrivera’ ovviamente stavate finendo del lavoro che vi era rimasto arretrato ma, adesso basta senno’ il lavoro mi mangia la vita!).

Durante l’incontro evitare parolacce, risate troppo sguaiate e commenti imbarazzanti ma, non dimenticate mai il vostro obiettivo!

Quindi da meta’ serata in poi e’ tutto lecito!

-conosco un posticino? (isolato e buio…)
-perche’ non andiamo a casa mia, ti faccio vedere la mia collezione di materassi….
-sai da lassu’ c’e’ un panorama stupendo

se pero’ tutte le vostre proposte trovano come risposta un cementifico no….
Non disperate!

La dovrete infatti ancora accompagnare a casa e, li sotto il suo portone.

E’ una situazione al limite del disperato.
Con qualche bieco trucco (blocco della portiera, della cintura di sicurezza….) cercate di non farla scendere subito!

Quella sarebbe la peggiore delle ipotesi!
Quindiparliamo parliamo parliamo e intanto avviciniamoci avviciniamoci avviciniamoci!

Beh poi il resto lo sapete fare da voi, al limite vi pigliate un bel ceffone (ma le donne moderne non ne danno piu’,quindi vi beccate la bella predicozza “ma cosa credevi di fare etc etc”)


4 commenti:

Marta ha detto...

Carino questo articolo!

Anonimo ha detto...

bravo, bell'articolo, è proprio tutto vero!
ciao!

Reborn ha detto...

Delle cose sono giuste, sicuramente non posso condividere il baciare sotto casa che lo fanno tutti ed è da sfigati cronici... lo si fa solo perchè prima non si ha il coraggio!

rosario ha detto...

proverò anke io anke se sono un ragazzino xD